Biscotti di sfoglia con granella

“Ci sono le Donne. E poi ci sono le Donne Donne. E quelle non devi provare a capirle, sarebbe una battaglia persa in partenza. Le devi prendere e basta. Devi prenderle e baciarle, e non dare loro il tempo di pensare. Devi spazzare via, con un abbraccio che toglie il fiato, quelle paure che ti sapranno confidare una volta sola, una soltanto, a bassa, bassissima voce. Perché si vergognano delle proprie debolezze e, dopo avertele raccontate, si tormenteranno – in un’agonia lenta e silenziosa – al pensiero che, scoprendo il fianco, e mostrandosi umane e fragili e bisognose per un piccolo fottutissimo attimo, vedranno le tue spalle voltarsi ed tuoi passi allontanarsi. Perciò prendile e amale. Amale vestite, che a spogliarsi son brave tutte. Amale indifese e senza trucco, perché non sai quanto gli occhi di una donna possano trovare scudo dietro un velo di mascara. Amale addormentate, un po’ ammaccate quando il sonno le stropiccia. Amale sapendo che non ne hanno bisogno: sanno bastare a sé stesse. Ma, appunto per questo, sapranno amare te come nessuna prima di loro.” [Donne al quadrato, Antonia Storace]

Piccole dolcezze che si preparano in pochissimo tempo. Basta avere a disposizione 15 minuti di tempo e 3 ingredienti: la pasta sfoglia, la granella di zucchero e il latte di mandorla. Ideali se avete degli ospiti a casa, perchè andranno a ruba, facendovi fare bella figura. Ottimi per uno spuntino mattutino e/o pomeridiano accompagnati da una calda tazza di tè o caffè.

Print Friendly, PDF & Email

Valutazione

  • (5 /5)
  • (35 Voti)

Istruzioni

  • 1. Stendere il rotolo di pasta sfoglia e ricavare con una formina (io ho utilizzato quella a cuore) i biscotti, adagiarli su una leccarda foderata da carta forno.
  • 2. Spennellare i biscotti con il latte di mandorla e distribuire la granella di zucchero.
  • 3. Infornare i biscotti e cuocere per 10-15 minuti a 200°C (fino a quando non si dorano).

Condividi

A proposito di Paola...

Paola

Sono nata a Torino il 15/04/1987 dove ho vissuto fino a marzo del 2014, poi sono “emigrata” in Salento, a Tricase (LE). Ho una laurea magistrale in Architettura indirizzo Pianificazione ...